COMUNITA’  MONTANA

“MOLISE CENTRALE”

6^ zona omogenea

 

 

 

 

 

 

REGOLAMENTO SULL’ISTITUZIONE
 DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE INTERNO 

 

 

 

 

 

 

 

SOMMARIO

 

 

                                                 Titolo I – NORME GENERALI

 

 

 

Art. 1 -

Nomina e Composizione

 

 

 

Art. 2 -

Durata in Carica e Compenso

 

 

 

Art. 3 -

Funzioni

 

 

 

Art. 4 -

Valutazione dei Responsabili

 

 

 

Art. 5 -

Funzionamento

 

 

 

Art. 6 -

Leggi ed Atti Regolamentari

 

 

 

Art. 7 -

Entrata in Vigore

 

 

 

Art. 8 -

Rinvio Dinamico

 

 

 

Art. 9 -

Variazioni al Regolamento

 

 

 

Art. 10

Norme Abrogate

 

 

 

 

 

  REGOLAMENTO SULL’ISTITUZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE INTERNO
 
 

 

 

Art. 1

Nomina e Composizione

1.I componenti del nucleo di valutazione sono nominati dal Presidente, previa designazione da parte della Giunta Comunitaria.

2.Esso è composto dal Segretario Generale, che lo presiede, e da n. 1 soggetto esterno all’Amministrazione Comunitaria (preferibilmente il Revisore dei Conti), esperto in tecniche di valutazione, contabilità e controllo di gestione riconducibili alle attività della Comunità Montana.

 

 

 

Art. 2

Durata in carica e compenso

1.L’incarico viene conferito per la durata minima di un esercizio finanziario  e comunque non può protrarsi oltre la durata del mandato elettivo del Presidente, salvo revoca anticipata, che deve essere motivata.

2. Il compenso viene determinato dalla Giunta Comunitaria, compatibilmente con le somme previste in bilancio per il funzionamento di tale organo.

 

 

 

Art. 3

Funzioni

1.Il nucleo di valutazione, ai sensi dell’art. 5, comma 3, del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165;

- verifica periodicamente la rispondenza delle determinazioni organizzative dell’Ente ai principi indicati nell’art. 2 del citato D.Lgs. n. 165, anche al fine di proporre  l’adozione di eventuali interventi correttivi e di fornire elementi per l’adozione delle misure previste nei confronti dei responsabili della gestione;

- predispone gli indicatori di riferimento per la valutazione delle prestazioni e dei risultati dei dipendenti, anche ai fini della progressione economica prevista dagli artt. 5 e 6 del C.C.N.L. per la revisione del sistema di classificazione professionale sottoscritto in data 01.03.1999.  Tali indicatori sono sottoposti all’esame della Giunta Comunitaria, che li acquisisce, con le modifiche che ritiene di apportare, e li comunica ai responsabili degli uffici e/o servizi per la loro esatta osservanza ed  applicazione;

- verifica periodicamente i risultati raggiunti in termini di produttività e miglioramento del livello  quantitativo e qualitativo dei servizi;

- esercita il controllo previsto dall’art. 5, comma 3, del C.C.N.L. sottoscritto l’1.4.1999 sulla compatibilità dei costi della contrattazione collettiva decentrata integrativa  con i vincoli di bilancio, laddove non sia previsto il collegio dei revisori;

- esercita, inoltre, tutti gli altri compiti che gli sono assegnati da leggi, statuti e regolamenti.  A tal fine, assume tutte le indicazioni fornite nel PRO, con particolare riferimento ai programmi e agli obiettivi da raggiungere.

 

 

 

Art. 4

Valutazione dei Responsabili

1.La valutazione dei responsabili degli uffici e/o  dei servizi ha lo scopo di verificare i risultati delle attività svolte in relazione al raggiungimento degli obiettivi, alle capacità organizzative e all’andamento qualitativo del servizio, nonché quello di fornire al Presidente elementi sufficienti per la riconferma o revoca degli incarichi e per la graduazione, nei casi previsti, della retribuzione di posizione e di risultato relative agli incarichi delle aree delle posizioni organizzative;

 

 

 

Art. 5

Funzionamento

1.Per la validità delle riunioni del Nucleo di valutazione è richiesto l’intervento di tutti i componenti.

I componenti che, senza giustificato motivo, non prendono parte  a due sedute consecutive sono dichiarati decaduti. La decadenza è pronunciata dalla Giunta Comunitaria nella prima seduta successiva alla seconda assenza.

2.Il Nucleo risponde al Presidente, al quale è tenuto a riferire, almeno tre volte all’anno, sull’andamento delle attività e dei programmi e a proporre soluzioni nei casi necessari. A tal fine, può richiedere agli uffici atti e documenti e procedere a verifiche dirette;

 

 

 

 

Art. 6

Leggi ed Atti Regolamentari

1.Per quanto non è espressamente previsto nel presente regolamento saranno osservate, in quanto applicabili:

-Decreto Legislativo 30 luglio 1999, n. 286;

-Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 165;

-Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165;

-I contratti nazionali di lavoro del personale del comparto delle Regioni e delle Autonomie Locali;

 

 

 

 

Art. 7

Entrata in Vigore

1. Il presente regolamento entra in vigore il primo giorno del mese successivo all'ultimo giorno di pubblicazione.

 

 

 

 

Art. 8

Rinvio Dinamico

1.Le norme del presente regolamento si intendono modificate per effetto di sopravvenute  norme vincolanti statali e regionali.

2.In tali casi, in attesa della formale modificazione del presente regolamento, si applica la normativa sopraordinata.

 

Art. 9

Variazioni al Regolamento

1.L’amministrazione comunitaria si riserva la facoltà di modificare, nel rispetto delle vigenti  norme che regolano la materia, le disposizioni  del presente regolamento dandone comunicazione mediante pubblicazione all’albo pretorio della Comunità Montana, a norma di legge;

 

 

 

 

 

 

 

Art. 10

Norme Abrogate

1.Con l’entrata in vigore del presente regolamento sono abrogate tutte le norme regolamentari con esso contrastanti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il presente Regolamento:

 

 

 

1)     è stato deliberato dal Commissario Straordinario nella seduta del______________________con deliberazione n_____________;

 

 

2)     è stato pubblicato all’albo pretorio per quindici giorni consecutivi dal___________________;

 

 

3)     è stato pubblicato all’albo pretorio della Comunità Montana “Molise Centrale” dal_______________________al______________________ per quindici giorni consecutivi con la contemporanea pubblicazione, allo stesso albo pretorio, ed in altri luoghi consueti di apposito manifesto annunciante la detta affissione;

 

 

4)     è entrato in vigore il______________

 

 

 

 

Ferrazzano, lì…………..                                                   IL SEGRETARIO GENERALE

                                                                                                               Dott. Giuseppe MURGOLO